Ospedale San Marco, consegna fissata per febbraio

"Non vogliamo che rimanga una scatola vuota, serve personale dedicato" ha scritto la rete sociale Librino in una nota

" Accogliamo con soddisfazione l’annuncio dato dal direttore generale dell’azienda Policlinico-Vittorio Emanuele, dottorPaolo Cantaro, della conclusione dei lavori dell’ospedale San Marco nel prossimo mese di febbraio: è una notizia attesa per la quale sono impegnati in tanti, dai cittadini ai sindacati. La Rete, tuttavia, ritiene questo un passaggio necessario ma non sufficiente a dotare finalmente l’area sud di Catania di un presidio ospedaliero capace di rispondere ai bisogni di questa parte di territorio: senza un’adeguata dotazione di personale, il moderno complesso rischia infatti di restare una 'scatola vuota'". Così scrive la rete sociale Librino in una nota ufficiale, in merito alla consegna stabilità dell'ospedale San Marco e alla questione organico che pare diventare sempre più stringente, considerata l'imminente apertura del pronto soccorso del Policlinico

" A colmare le lacune - continua la nota della Rete Sociale Librino - non basterà il semplice passaggio di dipendenti dell’azienda Policlinico-OVE da un presidio all’altro. Per garantire le professionalità necessarie alle attività dell’ospedale, serviranno risorse dedicate. Le associazioni, le istituzioni e le realtà ecclesiali di Librino riunite nella rete sociale si rivolgono pertanto all’assessore regionale alla Salute, Baldo Gucciardi, affinché nel riordino della rete ospedaliera possa prevedere stabilmente i fondi utili al pieno funzionamento del San Marco. Le istituzioni hanno fatto e stanno facendo il loro dovere, la cittadinanza ha svolto una coraggiosa opera di sollecito e di vigilanza: ora è arrivato il momento in cui la politica è chiamata a fare la sua parte, al fine di riconoscere il giusto ruolo, nell’ambito del servizio sanitario regionale, all’ospedale di Librino e all’intera Sicilia orientale, nel dovere di garantire a tutti il pieno diritto alla salute".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

Torna su
CataniaToday è in caricamento