Librino, deve scontare pena per reati commessi tra il 2005 ed il 2007

Antonino Rapisarda ha riportato una condanna pari ad un anno e 2 mesi di reclusione

commissariato polizia Librino

Il commissariato di Librino ha eseguito anche un provvedimento di detenzione domiciliare nei confronti di Antonino Rapisarda, riconosciuto colpevole in via definitiva per i reati di falso, ricettazione e tentata truffa, commessi fra il 2005 ed il 2007, per i quali ha riportato una condanna pari ad un anno e 2 mesi di reclusione. Lo stesso risulta, inoltre, gravato da ulteriori precedenti penali per reati quali tentato furto, resistenza a pubblico ufficiale, rapina, furto e ricettazione, utilizzo fraudolento di carte di credito.

L’uomo, al quale è stata rigettata l’istanza di affidamento ai servizi sociali, è stato tuttavia ammesso al beneficio della detenzione domiciliare, potendo, così, scontare il residuo pena presso il suo domicilio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Rapisarda è stato rintracciato dagli uomini del commissariato Librino che, dopo le incombenze di rito, lo hanno accompagnato presso la propria abitazione per rimanere ristretto in regime di detenzione domiciliare per il residuo di pena da scontare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Incidente sulla Palermo-Catania, illeso il cantante neomelodico De Martino: morto un 60enne

  • Incidente stradale sulla Palermo-Catania, scontro tra un furgone e una Porsche: un morto e due feriti

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento