Librino, arrestati dalla polizia due pusher pregiudicati

Nonostante avessero un sistema di videosorveglianza sono stati scoperti dagli agenti con le mani nel sacco

La polizia ha arrestato, ieri sera, Carmelo Cultraro, di 39 anni, e Giuseppe Gulino, di 42 anni, per spaccio. I due, entrambi pregiudicati, si trovavano in uno stabile di Librino dove risiedono. Gli uomini delle volanti avevano individuato un gruppo di giovani che faceva ingresso all’interno dello stabile e hanno deciso di bloccarli per procedere al loro controllo. Messi alle strette i tre hanno ammesso di essersi recati in quel luogo per acquistare droga ma di non aver fatto in tempo a causa dell’intervento degli agenti di polizia.

I poliziotti quindi hanno effettuato un controllo accurato degli ambienti comuni dell’edificio e giunti all’ultimo piano sono entrati in un sottotetto al cui interno hanno trovato i due pusher arrestati seduti attorno ad un tavolino, sul quale erano riposti due involucri di plastica contenenti cocaina del peso di 21 grammi e crack del peso di 7,40 grammi, nonché un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento delle dosi. Altresì sul tavolino era poggiato un monitor collegato a un sistema di videosorveglianza le cui telecamere riprendevano le strade di accesso allo stabile. A seguito di perquisizione personale nelle tasca della giacca di uno dei due è stata rinvenuta la somma di 920 euro ritenuta provento dell’attività illecita. A seguito di ciò i due uomini sono stati arrestati e su disposizione del PM di turno immediatamente liberati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

Torna su
CataniaToday è in caricamento