Librino, scoperti parrucchieri abusivi in immobili del Comune e agenzia di scommesse irregolare

Dai controlli della polizia sono emerse diverse situazioni di illegalità e sfruttamento di una lavoratrice, 7 indagati

Dai controlli straordinari del commissariato Librino sono emerse diverse attività commerciali totalmente abusive e sono sette le persone indagate.

In viale Moncada è stata trovata un’agenzia di giochi e scommesse totalmente abusiva gestita da un soggetto con precedenti in materia di gioco d’azzardo e non solo e durante il controllo è stata anche accertata la presenza di diversi soggetti pregiudicati, un dipendente in nero e la mancanza di un regolare contratto di locazione.

Così le apparecchiature e gli scontrini attestanti le avvenute scommesse sono stati sequestrati e, visti i molteplici computer messi a disposizione degli avventori, si è proceduto anche al sequestro amministrativo con sanzioni per il gestore sino a un massimo di 200 mila euro. Il responsabile è stato indagato per intermediazione abusiva di giochi e scommesse.


Un ulteriore controllo effettuato in viale Grimaldi ha consentito di indagare la titolare di due negozi, un parrucchiere e un minimarket, per aver occupato illegalmente due immobili di proprietà del comune di Catania con le attività abusive e con dipendenti in nero. Anche in viale San Teodoro è stato indagato un soggetto responsabile di aver occupato illegalmente un immobile di proprietà del comune di Catania per consentire al proprio figlio di aprire un’attività di parrucchiere per uomo gestita in modo totalmente abusivo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


Infine, in viale Moncada  è stata indagata in stato di libertà per il reato di sfruttamento dello stato di bisogno del lavoratore la titolare di un esercizio abusivo di parrucchiere che, nella circostanza, già da tempo sfruttava la dipendente impiegandola oltre 10 ore al giorno in cambio di una retribuzione pari a 20 euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il "mistero" dei fuochi d'artificio di Picanello, sparati ogni giorno a mezzanotte

  • Coronavirus, casi positivi al Cutelli e alla Livio Tempesta: studenti e personale in quarantena

  • Sgominate bande che rubavano sui tir e nelle case: 13 arresti

  • Droga e mafia, altri 4 arresti nell’ambito dell’operazione "Overtrade"

  • Coronavirus, un positivo sul volo Milano-Catania: appello dell'Asp ai passeggeri

  • Ricette false per ottenere i rimborsi, due medici sospesi ed otto farmacisti indagati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento