Consorzio di bonifica, Grasso (SI): "Servono contratti a tempo indeterminato"

Il segretario di Sinistra Italiana Catania interviene sulla questione legata al licenziamento dei 50 lavoratori del consorzio di bonifica 9 di Catania. "Occorre personale assunto a tempo indeterminato”, chiarisce Salvo Grasso

E' arrivata, purtroppo, in questi giorni la notizia dei 50 licenziamenti che hanno colpito i lavoratori del consorzio di bonifica di Catania. “Una struttura - come la definisce il segretario catanese di Sinistra Italiana Salvo Grasso - strategica e decisiva per il mantenimento e lo sviluppo dell'agricoltura siciliana che, soprattutto in un periodo di recessione economica, è stato il settore che ha prodotto un PIL positivo”.

“L’agricoltura - ha aggiunto Grasso - è l’unica e la più grande realtà produttiva della provincia che occupa un consistente numero di famiglie”. Il segretario ha inoltre criticato aspramente le scelte messe in campo in questi anni dall'esecutivo regionale guidato da Rosario Crocetta e, in particolar modo, le leggi proposte in merito dall'assessore al ramo Antonello Cracolici. “La politica regionale nell’ultimo ventennio non ha saputo investire in modo opportuno sull’adeguamento tecnologico - ha dichiarato - Servono oggi nuove infrastrutture, in attesa di ripensare una legge che tenga conto delle necessità territoriali”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Per poter far funzionare in modo adeguato e regolare il consorzio - ha concluso Grasso - cosa che non succede ormai da molto tempo, occorre personale assunto a tempo indeterminato”. A questa situazione si aggiungono anche le criticità che sta attraversando il consorzio di bonifica 7 di Caltagirone. Neii giorni scorsi è interrotta l'erogazione d'acqua negli agrumeti della zona, portando a una carenza idrica nella vasca di Serravalle, snodo cruciale per gli agricoltori che hanno i terreni fra Palagonia e Scordia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus e Dpcm, Musumeci: "Ci permettano di aprire fino alle 23 ristoranti, bar, pizzerie"

  • Bollo auto 2020 - Come presentare la richiesta di esenzione e rimborso

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento