Crisi lavoro, licenziamento collettivo per dieci dipendenti Palma

Mercoledì 10 luglio i lavoratori dell'agenzia protesteranno davanti la sede degli uffici postali di via Etnea. Dal 2001 l'azienda recapita raccomandate per conto di Poste Italiane

Foto di repertorio

Licenziamento collettivo per dieci lavoratori dell’agenzia di recapito Palma, partner di Poste Italiane. L’azienda, dopo il rinnovo del contratto d’appalto lo scorso marzo, ha aperto una procedura di mobilità per i suoi dipendenti.

Lo rende noto la Slc Cgil che per domani, mercoledì 10 luglio, ha indetto una giornata di sciopero. I lavoratori manifesteranno, dalle 10 alle 12,30, davanti la sede di Poste italiane di via Etnea angolo Villa Bellini.

“Ci sembra inverosimile – dichiara Davide Foti segretario generale della Slc Cgil Catania -  che in un momento così delicato del mercato del lavoro, la prima azienda italiana non riesca, da un lato, a garantire un servizio adeguato ai cittadini e dall’altro, a non evitare il tunnel della disoccupazione ai suoi lavoratori. Continueremo la lotta  con tutti i mezzi a nostra disposizione, e lanciamo un appello alle istituzioni locali e regionali per un intervento forte e significativo: non possiamo accettare ulteriori silenzi, i lavoratori del servizio postale privato pretendono salvaguardie occupazionali. Dal 2001 recapitano raccomandate per conto di Poste Italiane garantendo con grande impegno e professionalità un servizio pubblico alla collettività”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento