rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca

Liceo Galilei, via libera al murales su Peppino Impastato: "Vittoria per la città"

Oggi incontro chiarificatore tra rappresentanti del Comune, la Preside del Galileo, i rappresentanti degli studenti e i rappresentanti delle associazioni Interact Catania Ovest e Atlas. Il consigliere Agatino Lanzafame ha dichiarato che "per il bene della città le incomprensioni si superano sempre"

“Quando tutti i soggetti coinvolti hanno a cuore il bene della città e considerano prioritario il tema della lotta alla mafia alla fine una soluzione alle incomprensioni si trova sempre: il murales su Impastato si farà, e sarà accompagnato da un ulteriore murales, realizzato con un concorso di idee tra gli studenti del Galileo Galilei, sul tema della legalità e della lotta alla mafia. Una piccola grande vittoria per tutta la città”. Sono le parole pronunciate quest'oggi dal consigliere comunale Agatino Lanzafame. L'intesa, dopo incomprensioni tra studenti e dirigenza scolastica, è stata raggiunta e il murales su Peppino Impastato ideato dai giovani del liceo Galileo Galilei di Catania si farà.

Il lungo incontro che ha portato alla chiarificazione finale ha avuto come protagonisti, oltre che i rappresentanti del Comune, la Preside del Galileo, i rappresentanti degli studenti e i rappresentanti delle associazioni Interact Catania Ovest e Atlas. “L’incontro di oggi ha permesso di superare - affermano Riccardo Foti e Simone dei Pieri, promotori del murales su Impastato - le incomprensioni e i fraintendimenti di questi mesi, e che avevano - di fatto - hanno ritardato la realizzazione del Murales, già autorizzato dal Comune. Attraverso un dialogo franco e diretto ci siamo riscoperti tutti uniti davanti al tema della legalità. Adesso l’importante è dare al più presto avvio ai lavori di realizzazione dei due murales”.

Due quindi saranno i murales realizzati. Quello su Impastato sarà, sulla base di una decisione comune di tutti gli studenti e dei promotori, in circonvallazione, nei pressi della scuola, più visibile a tutta la città, mentre sul muro di cinta della scuola ci sarà un murales sul tema della legalità frutto di un concorso di idee che coinvolge tutta la scuola e che sarà realizzato durante la Giornata dell’Arte e Creatività. In entrambi i murales ci sarà la partecipazione di tutta la comunità scolastica del Galilei e delle associazioni.

“Il Galileo Galilei - afferma la Preside Gabriella Chisari - è da sempre in prima linea nella promozione del tema della legalità e della lotta alla mafia, e le nostre tante iniziative in tal senso lo dimostrano. I ritardi di questi mesi, che comprensibilmente hanno destato l’apprensione dei promotori del Murales su Impastato, derivavano soltanto dalla volontà di coordinare tale iniziativa con le altre iniziative della scuola. E alcuni consigli e adempimenti formali sono stati male interpretati. Adesso con la realizzazione dei due murales, dimostriamo ancora una volta da un lato il nostro impegno per la lotta alla mafia e dall’altro la volontà di coinvolgere tutta la comunità studentesca”.
“Siamo felicissimi - affermano i rappresentanti degli studenti, Claudio Ciampi, Matteo Bonaccorso, Gabriele Cifrodelli e Damien Bonaccorsi     - così a vincere è tutta la comunità scolastica, che sarà coinvolta nella sua totalità nella realizzazione dei due murales. La realizzazione del murales su Impastato - proposto lodevolmente da Interact Catania Ovest - in circonvallazione nei pressi della Scuola, e l’avvio del concorso di idee nella settimana successiva alle festività pasquali per il murales sul muro di cinta, ci permetterà di riqualificare due spazi degradati e di donare alla città due meravigliosi murales sul tema della lotta alla mafia”.  

Soddisfazione per l’accordo viene espressa dall’Assessore all’Urbanistica, Salvo di Salvo, che ha manifestato la piena disponibilità del Comune a concedere in tempi brevissimi tutte le autorizzazioni necessarie.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Liceo Galilei, via libera al murales su Peppino Impastato: "Vittoria per la città"

CataniaToday è in caricamento