Linguaglossa, prima viene salvato dall'overdose e poi finisce in manette

Una perquisizione ha consentito di sequestrare in un mobile della camera da letto tre buste di cellophane contenti 102 grammi di marijuana. L'uomo si trova attualmente in stato d'arresto in ospedale. Dovrà rispondere di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti

I carabinieri della Stazione di Linguaglossa hanno arrestato L.C. 43 anni, per spaccio di marijuana. I militari sono intervenuti su richiesta dei genitori dell’uomo, che aveva accusato un malore e non dava più segni di vita. Sono stati, infatti, i suoi genitori a lanciare l'allarme. Hanno telefonato al 112 che, subito, ha fatto arrivare sul posto l'ambulanza del 118.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I carabinieri giunti nell’abitazione lo hanno trovato riverso nel corridoio in stato d’incoscienza. La causa, secondo gli investigatori, sarebbe stata una overdose di eroina e metadone. Trasportato d'urgenza all'ospedale di Taormina è stato salvato.

Una perquisizione ha consentito di sequestrare in un mobile della camera da letto tre buste di cellophane contenti 102 grammi di marijuana. L’uomo si trova attualmente in stato d’arresto in ospedale. Dovrà rispondere di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Sono uscito per vendere droga", lo dichiara nell'autocertificazione: arrestato

  • Coronavirus, l'avanzata resta costante: in Sicilia 73 nuovi casi, a Catania +30

  • Coronavirus, l'università: "Calo dei contagi, l'epidemia in Sicilia finirà prima che altrove"

  • Coronavirus, numerose segnalazioni di gente in giro: immunità di gregge o incoscienza?

  • Coronavirus, frenata dei contagi in Sicilia con +71 rispetto a ieri: a Catania solo +3

  • Coronavirus, sospeso avvio della stagione balneare

Torna su
CataniaToday è in caricamento