Linguaglossa, prima viene salvato dall'overdose e poi finisce in manette

Una perquisizione ha consentito di sequestrare in un mobile della camera da letto tre buste di cellophane contenti 102 grammi di marijuana. L'uomo si trova attualmente in stato d'arresto in ospedale. Dovrà rispondere di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti

I carabinieri della Stazione di Linguaglossa hanno arrestato L.C. 43 anni, per spaccio di marijuana. I militari sono intervenuti su richiesta dei genitori dell’uomo, che aveva accusato un malore e non dava più segni di vita. Sono stati, infatti, i suoi genitori a lanciare l'allarme. Hanno telefonato al 112 che, subito, ha fatto arrivare sul posto l'ambulanza del 118.

I carabinieri giunti nell’abitazione lo hanno trovato riverso nel corridoio in stato d’incoscienza. La causa, secondo gli investigatori, sarebbe stata una overdose di eroina e metadone. Trasportato d'urgenza all'ospedale di Taormina è stato salvato.

Una perquisizione ha consentito di sequestrare in un mobile della camera da letto tre buste di cellophane contenti 102 grammi di marijuana. L’uomo si trova attualmente in stato d’arresto in ospedale. Dovrà rispondere di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

Torna su
CataniaToday è in caricamento