Cronaca

Borgo-Ognina, cartelli molesti e ingiurie nei confronti dei vicini: indagata

I motivi di questo astio nascerebbero dal fatto che l’indagata si sente infastidita dalla caduta di polvere e briciole sul proprio balcone, e riferisce di sentirsi turbata anche nello svolgimento della sua attività professionale

Oggi, personale del commissariato Borgo-Ognina ha indagato una donna per i reati di molestia, disturbo alle persone, ingiurie e deturpamento e imbrattamento di cose altrui. La donna abita al secondo piano di uno stabile nel pieno centro di Catania e, ormai da anni, ha reso invivibile la vita quotidiana di un nucleo familiare che vive al piano terzo dello stesso edificio e che è composto da tre persone anziane tra cui una donna anziana di quasi 100 anni.

I motivi di questo astio nascerebbero dal fatto che l’indagata si sente infastidita dalla caduta di polvere e briciole sul proprio balcone, e riferisce di sentirsi turbata anche nello svolgimento della sua attività professionale. Per questi motivi e per mero dispetto, l’indagata sarebbe solita bloccare al piano secondo l’ascensore in modo da arrecare un disagio agli anziani, che non possono utilizzarlo per raggiungere la propria abitazione.

Non solo, sarebbe solita mettere dietro la porta delle vittime spazzatura varia tra cui segatura e, ancora, offendere pesantemente gli anziani a tal punto da esporre dal proprio balcone e in modo ben visibile, dei cartelli contenenti gravi offese e frasi piene di rabbia e volte ad augurare i peggiori mali quali: “ Dio vi maledica – Cancro e Ictus – Crepa Porco – Porco chi butta Briciole”. Gli accertamenti compiuti (anche con gli altri vicini) hanno confermato quanto denunciato evidenziando, infine, che la donna ha pessimi rapporti anche con altri inquilini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Borgo-Ognina, cartelli molesti e ingiurie nei confronti dei vicini: indagata

CataniaToday è in caricamento