Piazza Tricolore, lungomare ancora off limits e degrado sulla scogliera

A distanza di due anni la porzione di lungomare interessata da un cedimento strutturale è ancora inagibile. Poco distante quel che resta del lido Tribeach, per il quale potrebbe arrivare la riapertura nella prossima stagione

Sporco, stravolto e abbandonato. E’ lo stato in cui versa la parte di lungomare a ridosso di Piazza Tricolore, inagibile da un paio d’anni a causa di un cedimento strutturale del terreno che ha reso impraticabile l’area a ridosso della scogliera. A distanza di tempo nessun intervento di recupero o messa in sicurezza è stato eseguito, ad eccezione del posizionamento di cartelli e ringhiere in alluminio e di una provvisoria "toppa" sulla voragine apertasi nell'asfalto.

A sinistra del tratto interdetto c’è poi quel che rimane del lido Tribeach, costruito su una struttura temporanea dalla società Buy2Build nell’estate del 2012 ed al centro di un contenzioso burocratico con il Comune e la Capitaneria che ne ha decretato la chiusura momentanea.

Il terreno su cui insistono le strutture amovibili, mai rimosse nonostante una ordinanza di sgombero emessa dalla Capitaneria nel marzo scorso, è stato acquistato nel 2009 dalla società privata che si è vista revocare le concessioni da parte del Demanio Marittimo nell’agosto del 2012 a causa di alcune irregolarità nell’esecuzione del progetto per il posizionamento dell’impianto balneare.

Recentemente, come riportato dal sito di informazione “Argo Catania”, il Demanio ha disposto la revoca della revoca in seguito alla modifica della recinzione esterna, dando di fatto il via libera alla riapertura per la prossima stagione. Nel frattempo però, il lido è stato parzialmente distrutto ed il prato trasformato dai cittadini in una area cani improvvisata. Ed ecco come appare dopo l'ultima mareggiata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento