Maas: cambiano i vertici amministrativi, restano i disagi

Le nuove strutture del mercato agroalimentare creano disagi ai lavoratori. Causa: "Fornitura dell'Enel non regolare", così dichiara Rosario Cavallaro, ormai ex presidente vicario del Maas

Il bandolo della matassa non si riesce a trovare. Almeno per il momento, stando agli ultimi risvolti della vicenda Maas, il Mercato Agroalimentare siciliano, con sede in contrada Jungetto Via Passo del Fico. Le proteste dei lavoratori del mercato agroalimentare hanno sollevato un gran polverone che, da un po' di tempo, sta avvolgendo i vertici amministrativi del Maas, ma anche quelli del sindacato Somaac.

Qualche giorno fa, infatti, gli operatori del Maas si sono riuniti per protestare. Perchè le condizioni in cui versa la struttura - nonostante sia nata appena due anni fa - non sono buone. I disagi sembrano essere tanti. I continui black out sono i segnali d’allarme che mettono a repentaglio l’efficienza lavorativa degli operatori agroalimentari, causando danni alle celle frigorifero e il conseguente deterioramento della merce.

Rosario Cavallaro, ormai ex presidente vicario del Maas - come riferito dagli uffici amministrativi - ha illustrato il problema: “L’assenza di energia elettrica, verificatasi ultimamente, è dovuta ad una fornitura dell’Enel non regolare. Il problema è stato comunque risolto nel giro di 2-3 ore, grazie all’intervento dei gruppi di continuità. A causa di un cortocircuito, però, si sono verificati alcuni danni, per quanto riguarda i prodotti dell’ittico. Il danno è stato, tuttavia, limitato perchè avvenuto durante le ore lavorative”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I problemi non sembrano però finire qui. I lavoratori lamentano anche il fatto che con la pioggia, l’acqua cade dentro ai box. Rosario Cavallaro ha rassicurato che “verranno monitorate tutte le anomalie riscontrate. La struttura è grande, per questo necessita di continui controlli”. Il vertice tenutosi nel corso della settimana, ha però stravolto le cariche all’interno del Maas. Rosario Cavallaro non sarà più il presidente vicario, come è stato riferito dagli uffici amministrativi. Stesso ciclone sta investendo il direttivo del sindacato Somaac che, nella giornata del 24 Ottobre, si è riunito. L’evoluzione della vicenda rimane così incerta, così come i problemi per i lavoratori.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Incidente sulla Palermo-Catania, illeso il cantante neomelodico De Martino: morto un 60enne

  • Incidente stradale sulla Palermo-Catania, scontro tra un furgone e una Porsche: un morto e due feriti

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento