Madre di Fulvio Frisone scrive a Napolitano: "E' stato abbandonato"

"Mio figlio è titolare di una legge del 19 maggio 2005 n. 5 art. 29 che elargisce sia per l’assistenza personale che per la ricerca scientifica un contributo annuo necessario per la sua sopravvivenza psicofisica ed scientifica”

“Mio figlio è stato abbandonato dalle istituzioni, sia regionali che nazionali. Da due anni non percepisce il contributo scientifico per la sua attività e quest’anno ha dovuto rinunciare a numerosi congressi internazionali appunto per mancanza dei fondi necessari, con il rischio di essere escluso dalle partnership internazionali”. E' quanto scrive Lucia Colletta, madre del fisico disabile Fulvio Frisone al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

"Mio figlio è titolare di una legge del 19 maggio 2005 n. 5 art. 29 che elargisce sia per l’assistenza personale che per la ricerca scientifica un contributo annuo necessario per la sua sopravvivenza psicofisica ed scientifica”.

“Mi auguro che questa missiva – conclude la madre del fisico disabile – possa suscitare in Lei uno scatto di orgoglio sia come uomo di cultura che come Presidente di un Paese spesso tenuto ai margini della ricerca scientifica internazionale affinchè mio figlio possa dare ancora per molti anni un contributo serio e produttivo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento