Mafia, Aci Catena: lettera intimidatoria a imprenditore antiracket

Si tratta di Salvo Strano, 54 anni, che dal 24 ottobre del 2014 dirige lo sportello legalità, sviluppo economico e consulenza anti racket "Libera Impresa". Anni fa ha denunciato usurai ed estorsori. Oggi ha consegnato ai carabinieri il foglio di carta ricevuto contenente frasi minatorie

Lettera con minacce ad un imprenditore di Aci Catena. Si tratta di Salvo Strano, 54 anni, che dal 24 ottobre del 2014 dirige lo sportello legalità, sviluppo economico e di consulenza anti racket "Libera Impresa". Anni fa ha denunciato usurai ed estorsori. Oggi ha consegnato ai carabinieri il foglio di carta contenente frasi minatorie e trovato davanti il negozio di articoli da regalo che l'imprenditore gestisce e all'agenzia di assicurazione nel pieno centro di Aci Catena.

"Queste lettere mi danno forza" è il commento di Strano dopo aver ricevuto il foglio, con frasi scritte a mano, contenente minacce e ingiurie nei suoi confronti. "Non mi fermo, - aggiunge Strano - continuerò ad aiutare le vittime di estorsioni o di usura così come da impegno assunto". Solidarietà è stata espressa dal sindaco di Aci Catena, Ascenzio Maesano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento