Mafia, maxi-operazione: sventato scontro per nuovo boss nel catanese

Impegnati cento militari e fermate in tutto 9 persone. Le accuse contestate a vario titolo sono di Associazione di tipo mafioso, tentato omicidio, detenzione e porto abusivo di armi con l'aggravante dall'agevolazione di Cosa Nostra

Un'importante operazione antimafia è stata guidata dalla Dda di Catania. Impegnati cento militari e fermate in tutto 9 persone. Coinvolti anche i militari delle province di Siracusa, Agrigento e Cremona. Le accuse contestate a vario titolo sono di Associazione di tipo mafioso, tentato omicidio, detenzione e porto abusivo di armi con l'aggravante dall'agevolazione di Cosa Nostra.

L'indagine ha riguardato una spaccatura creatasi all'interno del clan operante tra Vizzini e Francofonte (Siracusa) dopo l'arresto del boss Michele D'Avola.

L'8 agosto scorso, secondo quanto ricostruito, gli uomini fedeli a D'Avola avevano tentato di assassinare Salvatore Navanteri, che cercava di assumere la leadership del gruppo. Il fermo è stato emesso d'urgenza per fermare la ritorsione che i Navanteri stavano preparando, sventando così una vera e propria guerra di mafia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

Torna su
CataniaToday è in caricamento