Non si piega al pizzo e denuncia estorsione: in quattro finiscono in manette

Dopo essersi ribellato, l'imprenditore ha subito un attentato incendiario contro un mezzo della sua attività e pesanti minacce. La sua collaborazione con le forze del'ordine ha portato all'arresto di appartenenti ai clan Mazzei e Assinnata

Dopo essersi ribellato al "pizzo" ha subito un attentato incendiario contro un mezzo della sua attività e pesanti minacce. La sua collaborazione con le forze del'ordine ha però portato all'arresto di quattro persone ritenute responsabili di associazione mafiosa, estorsione, usura, spaccio di sostanze stupefacenti e rapina, con l'aggravante dell'agevolazione di Cosa nostra.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In manette sono finiti soggetti appartenenti ai clan Mazzei di Catania e Assinnata di Paternò, dopo un'operazione dei carabinieri condotta tra Catania e Paternò. Il provvedimento restrittivo, emesso dal Gip di Catania su richiesta della Dda, scaturisce dalla collaborazione dell'imprenditore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'università: "Calo dei contagi, l'epidemia in Sicilia finirà prima che altrove"

  • "Sono uscito per vendere droga", lo dichiara nell'autocertificazione: arrestato

  • Coronavirus, l'avanzata resta costante: in Sicilia 73 nuovi casi, a Catania +30

  • Coronavirus, numerose segnalazioni di gente in giro: immunità di gregge o incoscienza?

  • Coronavirus, sospeso avvio della stagione balneare

  • Incidente stradale a Biancavilla, moto contro un palo: morto 19enne

Torna su
CataniaToday è in caricamento