"Mafia aveva coraggio", M5s: "Da Maraventano spiegazioni vergognose"

"Non credevo che si dovesse puntualizzare che io Angela Maraventano, sono contro ogni mafia. Ma dato gli ultimi attacchi contro la mia persona ritengo sia doveroso spiegarmi meglio per eliminare ogni equivoco", aveva scritto su Facebook l'ex senatrice della Lega Angela Maraventano

"Non credevo che si dovesse puntualizzare che io Angela Maraventano, sono contro ogni mafia. Ma dato gli ultimi attacchi contro la mia persona ritengo sia doveroso spiegarmi meglio per eliminare ogni equivoco. Equivoco furbescamente innescato dalla sinistra che mira a distogliere l'attenzione al principale fatto del giorno: Salvini non è colpevole ed ha agito secondo la legge". Lo ha scritto in un post su Facebook l'ex senatrice della Lega Angela Maraventano, replicando alle polemiche innescate dalle sue dichiarazioni nel corso della manifestazione di Catania a sostegno del leader del Carroccio.

"Le spiegazioni di Angela Maraventano per provare a giustificare le parole orribili che aveva pronunciato dal palco della manifestazione della Lega a Catania sono la classica toppa peggiore del buco. Nell'ordine Maraventano in due giorni ha parlato di una presunta mafia sensibile e coraggiosa che non c'è più, poi ha specificato che intendeva dire che la mafia siciliana non esiste più, infine ha continuato a fare distinzioni tra fantasiose mafie buone e quelle cattive. Sono parole assurde, vergognose e offensive verso tutte le vittime della mafia e verso tutti i cittadini che non vogliono più convivere con chi inquina la nostra società. Le mafie italiane purtroppo esistono ancora, anche se da anni lo Stato combatte una lotta dura che ha portato risultati importanti, senza distinzioni di provenienza. Proprio per questo le sciocchezze dette da Angela Maraventano sono pericolose oltre che inaccettabili". Così in una nota la delegazione del Movimento 5 Stelle nella commissione parlamentare Antimafia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento