menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Beni confiscati alla mafia, ospiteranno appartamenti per ragazze madri

L'iniziativa è della Caritas Diocesana, alla quale sono stati affidati dal Comune in comodato d'uso. L'immobile è destinato a donne in situazioni di particolare disagio economico, morale e sociale, con figli a carico, lavoratrici a basso reddito o anche non lavoratrici

Alcuni locali confiscati alla mafia a Catania ospiteranno appartamenti per ragazze madri. L'iniziativa è della Caritas Diocesana, alla quale sono stati affidati dal Comune in comodato d'uso. L'inaugurazione, in Via Damiano Chiesa 2, è in programma martedì prossimo alle 12 alla presenza dell'Arcivescovo di Catania, Mons. Salvatore Gristina e del sindaco Enzo Bianco.

L'immobile è destinato a donne in situazioni di particolare disagio economico, morale e sociale, con figli a carico, lavoratrici a basso reddito o anche non lavoratrici. La permanenza minima è di tre mesi, con proroga fino ad un anno.

L'Help Center della Caritas si occuperà della valutazione e dell'inserimento delle donne con i figli minori. Per il bene confiscato alla mafia la Conferenza episcopale italiana, attraverso la Conferenza Episcopale Siciliana, ha approvato il progetto 'Housing First'. A Catania è già attivo un gruppo d'appartamento di via Vittorio Emanuele 498, una struttura di 12 vani avuta in comodato d'uso da parte dell'Azienda Ospedaliera Vittorio Emanuele - Policlinico. (ANSA).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Attualità

McDonald’s, l’iniziativa "Sempre aperti a donare" arriva a Catania

Utenze

Rettifica della bolletta luce e gas: come richiederla

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento