Mafia Capitale, sindaco di Mineo: "Sono amareggiata, non ho commesso alcun reato"

Sono anche dispiaciuta per il provvedimento della Procura di Catania, ma viene anche da dire 'finalmente' nel senso che così sarò in grado di fare chiarezza e dimostrare la mia totale estraneità ai fatti". Queste le parole del sindaco di Mineo, Anna Aloisi

"Sono amareggiata, non ho commesso alcun reato, nessun illecito. Sono anche dispiaciuta per il provvedimento della Procura di Catania, ma viene anche da dire 'finalmente' nel senso che così sarò in grado di fare chiarezza e dimostrare la mia totale estraneità ai fatti". Queste le parole del sindaco di Mineo, Anna Aloisi, che conferma di avere avuto notificato da carabinieri del reparto operativo di Catania un decreto di perquisizione, che vale come informazione di garanzia, nell'inchiesta sulla gestione del Cara, Centro accoglienza richiedenti asilo, più grande d'Europa sito proprio a Mineo. "Se per caso - ha aggiunto il primo cittadino- c'è stato qualcuno che ha agito alla mie spalle, a mia insaputa, è giusto che la magistratura lo accerti e agisca di conseguenza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

Torna su
CataniaToday è in caricamento