Mafia: Cittainsieme e Asaec, al fianco del giudice Di Matteo

"Se nell'agire mafioso nulla avviene per caso ma per logiche aberranti e ben definite, non sono casuali, se mai ci fosse stato bisogno di conferme, le minacce al giudice Di Matteo". Lo affermano, in una nota congiunta, Citta'insieme e Asaec

"Se nell'agire mafioso nulla avviene per caso ma per logiche aberranti e ben definite, non sono casuali, se mai ci fosse stato bisogno di conferme, le minacce al giudice Di Matteo". Lo affermano, in una nota congiunta, Citta'insieme e Asaec, "unendo la nostra voce a quelle delle tante realta' che sono a fianco di chi e' impegnato nella difesa delle nostre istituzioni democratiche".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Basta con le dichiarazioni di solidarieta' vuote e false di quella politica incapace o connivente - si legge ancora nel comunicato - che spesso non vuole dare risposte concrete alle esigenze di legalita', verita' e giustizia. Vogliamo, una volta per tutte, che si dica la verita' sui rapporti tra Stato e mafia e che le Istituzioni del nostro Stato siano, a tutti i livelli, sempre all'altezza di denunciare le connivenze e le omerta' di chi ha permesso alla criminalita' organizzata di proliferare diventando la prima potenza economica del nostro Paese. Vogliamo - concludono Citta'insieme e Asaec - che si intervenga con forza e determinazione per la protezione dei magistrati e nella loro lotta contro la mafia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento