Blitz contro clan Mazzei, 30 arresti: nel mirino anche imprenditori e commercianti

Durante le indagini sono stati arrestati in flagranza di reato alcuni presunti affiliati mentre ritiravano il 'pizzo' da attivita' commerciali e sono stati sequestrati sostanze stupefacenti e armi da fuoco

La mafia a Catania si propone come agenzia di recupero crediti, sfruttando le sue capacità  estorsive per constringere i creditori di imprese e commercianti a pagare i loro debiti. Emerge dalle indagini che hanno portato all'arresto di 30 capi e affiliati del clan dei Mazzei.

GUARDA IL VIDEO

Durante le indagini sono stati arrestati in flagranza di reato alcuni presunti affiliati mentre ritiravano il 'pizzo' da attivita' commerciali e sono stati sequestrati sostanze stupefacenti e armi da fuoco.

La prassi era già da tempo nota agli inquirenti, ma sembra ora essersi diffusa fino a diventare per alcuni gruppi mafiosi il principale strumento di guadagno, soppiantando il 'pizzo' imposto ai piccoli commercianti.

I NOMI DEGLI ARRESTATI 

Imprenditori e commercianti che a volte vantano crediti per decine di migliaia di euro e che non riescono ad avere soddisfare per le vie legali sollecitano l'intervento dell'organizzazione mafiosa per intimorire il debitore, spesso indotto a pagare senza ricorrere a particolari minacce. Dal canto suo il creditore, deve cedere al clan una considerevole parte di quanto riscosso per suo conto.

A carico dei commercianti ed imprenditori che si sono rivolti alla mafia per recuperare i propri crediti, su richiesta della Procura, il gip ha disposto la misura cautelare degli arresti domiciliari ed è stato loro contestato il reato di concorso in estorsione attuata con modalita' mafiose. Sono: Giuseppe Chinnici, 33 anni, Antonino D'Amico, 45 anni, Daniele Di Mauro, 33 anni, Antonino e Mario Salvatore detto 'Massimo' Giuffrida, di 37 e 40 anni, Serafino Panassidi, 50 anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento