rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Cronaca

Traffico di droga gestito da Cosa nostra, processo "Skanderberg": 54 condanne

Il blitz dei carabinieri era avvenuto nel 2020 che aveva visto indagate 101 persone, accusate, a vario titolo, di associazione di tipo mafioso, associazione per delinquere finalizzata al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti, con l'aggravante del metodo e della finalità mafiosa

Sentenza di condanna per 54 imputati del processo "Skanderberg", dopo il blitz dei carabinieri avvenuto nel 2020 che aveva visto indagate 101 persone, accusate, a vario titolo, di associazione di tipo mafioso, associazione per delinquere finalizzata al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti, con l'aggravante del metodo e della finalità mafiosa, e per detenzione illegale e porto di armi da fuoco. 

Dodici erano le piazze attive, alimentate da un sistema più che collaudato. La cocaina, sempre più richiesta, era acquistata da grossisti calabresi e campani ad un prezzo base di 40mila euro al chilo, per essere poi rivenduta a 60 mila. Veniva poi custodita in abitazioni private e poi portata in mani sicure dai galoppini. Depositi difficili da individuare tra gli interminabili palazzoni a schiera delle vie Capo Passero, Egadi, Ustica e Pantelleria, in cui ogni angolo è sorvegliato da occhi attenti e telecamere.

Il Gup Carlo Cannella ha, così, condannato Lorenzo Michele Schillaci - considerato il referente del gruppo santapaoliano - a 16 anni, riconosciute le attenuanti generiche vista "l'ammissione e la dissociazione da Cosa nostra". Venti anni a Mario Maurizio Calabretta e Giuseppe Sapuppo. Diciotto anni e sei mesi di reclusione per Giambattista Spampinato e quattordici anni per Alessandro Di Pasquale.

Il Gup ha ance ordinato "la confisca delle armi in sequestro e la trasmissione alla competente direzione di artiglieria con facoltà di distruzione; la confisca e distruzione della sostanza stupefacente; la la confisca delle somme di denaro in sequestro".

Le indagini erano state condotte dai carabinieri dall’ottobre 2018 al maggio 2019, con intercettazioni ambientali e video, ed era stato fondamentale l'utilizzo delle dichiarazioni di due recenti collaboratori di giustizia: Dario Caruana e Silvio Corra. Quest' ultimo, in particolare, è l'uomo che ha sostituito Schillaci come responsabile del clan Nizza, fornendo agli inquirenti un contributo decisivo per la ricostruzione delle dinamiche mafiose.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Traffico di droga gestito da Cosa nostra, processo "Skanderberg": 54 condanne

CataniaToday è in caricamento