Mafia: operazione “Sole nero”, 4 arresti per usura ed estorsione

Un imprenditore agricolo vicino al clan Emmanuello di Gela erogava, grazie alla mediazione di un agronomo catanese, prestiti con interessi usurai del 120% ad un imprenditore di Catania in difficoltà economiche

Sono stati arrestati con l’accusa di associazione mafiosa finalizzata all'usura ed estorsione un agronomo di Catania, consulente di un istituto di credito, e tre imprenditori agricoli dell'Ennese.

L'operazione, chiamata "Sole nero", coordinata dalla Dda di Caltanissetta e condotta dalla Squadra mobile di Enna, ha consentito di accertare che N.M., un imprenditore agricolo di Villarosa (En) vicino al clan Emmanuello di Gela erogava,  grazie alla mediazione di T.G, agronomo catanese, prestiti con interessi usurai complessivi del 120% ad un imprenditore di Catania in difficoltà economiche, cercando di farsi corrispondere le cifre richieste anche con gravi minacce e avvalendosi del vincolo di intimidazione proprio degli appartenenti a ''cosa nostra''.

La vittima sarebbe stata poi taglieggiata da un altro imprenditore agricolo ennese, sempre tramite del consulente. Anche in questo caso, reiterate sono state le minacce per costringere al pagamento la vittima, la quale, costretta dagli eventi, stava per vendere tutte le sue proprietà.

Il PRESTITO - Secondo la ricostruzione la vittima ha chiesto un prestito ad una banca per l’acquisto di alcuni immobili, appartenenti alla sua famiglia e messi in vendita a seguito di un pignoramento; poiché i soldi necessari non sono stati erogati dalla banca, l’ agronomo e consulente dell' istituto di credito, si è offerto di reperire, tramite “amicizie”, la somma necessaria, conducendo personalmente lo sventurato imprenditore catanese presso l’azienda del boss N.M.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento