Problemi tecnici, rinviata a gennaio udienza del processo Lombardo

Non è stato possibile ascoltare le dichiarazioni del pentito Giuseppe Mirabile, collaboratore di giustizia che era stato collegato in videoconferenza con l'aula del Gup Marina Rizza

L'udienza del processo che si svolge con il rito abbreviato a Catania, all'ex presidente della Regione Raffaele Lombardo accusato di concorso esterno in associazione mafiosa è stata rinviata all' 8 gennaio 2013 alle 10 nell'aula bunker del carcere di Bicocca. Il rinvio è stato causato da problemi tecnici che non hanno permesso di ascoltare la deposizione in videoconferenza del pentito Giuseppe Mirabile.

Intanto in merito alla deposizione di un nuovo pentito Paolo Mirabile, fratello di Giuseppe, che da poco ha deciso di collaborare con la giustizia, la difesa di Lombardo dichiara: ''Analizzeremo con calma questo verbale. Lo guarderemo, lo esamineremo e poi prenderemo una decisione. Non credo comunque che l'episodio di cui parla la Procura sia molto rilevante''.

La procura ha infatti motivato il deposito del verbale sostenendo che vi sarebbe descritto un episodio utile per l'interrogatorio di Giuseppe Mirabile .

''Giuseppe Mirabile - ha aggiunto Guido Ziccone, legale di Raffaele Lombardo - ha detto, secondo noi, cose poco rilevanti, forse di nessun valore. Ancora non ci sono elementi che ci fanno pensare a un cambiamento di situazione, ma tuttavia riteniamo nostro dovere avere il maggior numero possibile di elementi che precisino le circostanze su cui si svolgerà la discussione''.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

Torna su
CataniaToday è in caricamento