menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mafia, processo Revenge III: cinque ergastoli, otto condanne e un'assoluzione

Il procedimento ha trattato gli omicidi commessi tra il 2001 e il 2010. Le indagini della polizia e la collaborazione dei pentiti hanno permesso di fare luce su nove delitti, compreso un caso di lupara bianca

Cinque ergastoli, otto condanne a 30 anni di reclusione e un'assoluzione. È la sentenza, che accoglie le richieste della Dda della Procura, del processo Revenge III, celebrato col rito abbreviato davanti al Gup di Catania, Laura Benanti, sulla faida mafiosa che ha visto contrapposti il gruppo dei Carateddi e la famiglia Ercolano-Santapaola.

Il procedimento, complessivamente, ha trattato nove omicidi commessi tra il 2001 e il 2010 dal clan contrapposto ai vertici di Cosa nostra.

Gli ergastoli sono stati comminati a Sebastiano Lo Giudice, Orazio Privitera, Vito Acquavite, Antonino Bonaccorsi e Antonino Stuppia. Condannati a 30 anni di reclusione ciascuno: Antonino Aurichella, Agatino Di Mauro, Alessandro Guerrera, Giovanni Musumeci, Orazio Musumeci, Giuseppe Platania, Alfio Sanfilippo e Natale Squillaci. Assolto uno solo degli imputati: Domenico Privitera.

L'accusa era stata rappresentata in aula dai sostituti Lina Trovato e Pasquale Pacifico, quest'ultimo era entrato nel 'mirino' della cosca.

L'operazione Revenge III della squadra mobile della Questura i Catania è del 1 dicembre del 2011. Le indagini della polizia e la collaborazione dei pentiti hanno permesso di fare luce su nove omicidi, compreso un caso di lupara bianca.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Attualità

McDonald’s, l’iniziativa "Sempre aperti a donare" arriva a Catania

Utenze

Rettifica della bolletta luce e gas: come richiederla

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento