Dia sequestra 300 mila euro a clan Cappello-Bonaccorsi

I beni sequestrati sono ritenuti riconducibili a Mario Carmelo Cambria, di 32 anni, indicato come esponente di spicco della criminalità etnea, in particolare della cosca Cappello-Bonaccorsi e figlio di Andrea, ritenuto organico al clan Cappello

Beni per un valore di 300 mila euro sono stati sequestrati dalla Dia di Catania nei confronti di esponenti del clan mafioso catanese Cappello-Bonaccorsi, su delega della Direzione distrettuale antimafia.

I beni sequestrati sono ritenuti riconducibili a Mario Carmelo Cambria, di 32 anni, indicato come esponente di spicco della criminalità etnea, in particolare della cosca Cappello-Bonaccorsi e figlio di Andrea, ritenuto organico al clan Cappello.

Mario Carmelo Cambria, è stato più volte arrestato per spaccio di sostanza stupefacente. In particolare, ricorda la Dia, il 17 marzo del 2016 è stato tra i destinatari del provvedimento cautelare emesso dal Gip nell'ambito dell'operazione Family, della polizia, assieme al padre ad altri sette indagati accusati, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata al traffico e spaccio di sostanze stupefacenti nonché di traffico illecito di sostanze stupefacenti, con l'aggravante di aver agevolato il clan mafioso etneo Cappello-Bonaccorsi.

I minuziosi e complessi accertamenti patrimoniali svolti dalla Dia nei confronti di Cambria Mario Carmelo, estesi anche al suo nucleo familiare, hanno consentito non solo di pervenire ad una puntuale ricostruzione del suo profilo criminale, ma anche di accertare la rilevante sproporzione tra i redditi dichiarati, in base all’attività svolta dallo stesso, e gli arricchimenti patrimoniali del predetto. L’esito della complessa e articolata attività svolta interessa anche beni fittiziamente intestati alla moglie Antonella Ranno, in particolare, un’abitazione, un garage, un’autovettura e somme di denaro cointestate, per un valore complessivamente stimato in circa 300 mila di euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento