Librino, agguato di mafia: ucciso Rosario Sciuto del clan Mazzei

Nella tarda serata di ieri, nel quartiere di Librino, un pregiudicato di mafia appartenente al clan Mazzei, Rosario Sciuto, è stato ucciso

Un presunto mafioso, Rosario Sciuto, di 48 anni, ritenuto vicino al clan Mazzei, è stato ucciso ieri sera con cinque colpi di pistola nel quartiere Librino a Catania. L'agguato è avvenuto vicino all'ascensore nell'androne di un palazzo in viale Moncada, dove abita la giovane compagna della vittima. Sciuto, che era in libertà vigilata, era stato scarcerato tre anni fa.

Nel 2009 era sfuggito a un altro agguato che, secondo gli investigatori, sarebbe maturato nell'ambito di alcuni contrasti all'interno del suo clan. Le indagini dei carabinieri sono coordinate dal Pm della Direzione Distrettuale Antimafia Lucio Setola.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento