Malati terminali uccisi per favorire agenzie funebri: Procura apre inchiesta

La denuncia arriverebbe da un collaboratore di giustizia che ha accusato un barelliere di un'ambulanza di avere iniettato dell'aria nelle vene di alcuni malati terminali per accelerarne la morte

Foto di archivio

La Procura di Catania ha aperto un'inchiesta per omicidio a seguito della denuncia di un collaboratore di giustizia che ha accusato un barelliere di un'ambulanza di avere iniettato dell'aria nelle vene di alcuni malati terminali per accelerarne la morte. L'obiettivo era guadagnare sull'intervento di agenzie di onoranze funebri "amiche".

Il decesso avveniva durante il trasporto di pazienti in fin di vita dall'ospedale di Biancavilla a casa. I casi sarebbero iniziati nel 2012. Le prime rivelazioni il 'pentito' le aveva fatte in un'intervista al programma televisivo Le Iene e poi si era recato in procura per riferire dei fatti a sua conoscenza.

I carabinieri della compagnia di Paternò, su delega dei magistrati della Dda etnea, hanno acquisito le cartelle cliniche nell'ospedale "Maria SS. Addolarata". Dalla Procura di Catania si sottolinea che "l'inchiesta è seria", ma che le dichiarazioni del collaboratore di giustizia "Saranno sottoposte alle verifiche che il caso richiede".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Librino, in 40 aggrediscono due agenti che tentavano di fermare una moto senza targa

  • Tentato omicidio a Palagonia, coltellate e spari dopo una lite: un ferito

  • Rientra e trova armi e oltre 6 chili di hashish nel suo deposito

  • "Gli italiani scelgono Catania per il Natale 2019 e il Capodanno 2020"

  • Scopre di essere incinta poco prima di partorire: ma la bambina muore

  • Agenti aggrediti a Librino, arrestato un diciottenne

Torna su
CataniaToday è in caricamento