Malati terminali uccisi per favorire agenzie funebri: Procura apre inchiesta

La denuncia arriverebbe da un collaboratore di giustizia che ha accusato un barelliere di un'ambulanza di avere iniettato dell'aria nelle vene di alcuni malati terminali per accelerarne la morte

Foto di archivio

La Procura di Catania ha aperto un'inchiesta per omicidio a seguito della denuncia di un collaboratore di giustizia che ha accusato un barelliere di un'ambulanza di avere iniettato dell'aria nelle vene di alcuni malati terminali per accelerarne la morte. L'obiettivo era guadagnare sull'intervento di agenzie di onoranze funebri "amiche".

Il decesso avveniva durante il trasporto di pazienti in fin di vita dall'ospedale di Biancavilla a casa. I casi sarebbero iniziati nel 2012. Le prime rivelazioni il 'pentito' le aveva fatte in un'intervista al programma televisivo Le Iene e poi si era recato in procura per riferire dei fatti a sua conoscenza.

I carabinieri della compagnia di Paternò, su delega dei magistrati della Dda etnea, hanno acquisito le cartelle cliniche nell'ospedale "Maria SS. Addolarata". Dalla Procura di Catania si sottolinea che "l'inchiesta è seria", ma che le dichiarazioni del collaboratore di giustizia "Saranno sottoposte alle verifiche che il caso richiede".

Potrebbe interessarti

  • Smettere di fumare fai-da-te: alcuni consigli

  • Abbronzatura: consigli per esaltarla

  • Sbornia: cause, sintomi e rimedi

  • Potassio: benefici ed alimenti nei quali trovarlo

I più letti della settimana

  • Incidente stradale sull'asse dei servizi, ferite due persone in moto

  • Incidente stradale al villaggio Ippocampo, suv con sei minorenni capotta

  • Catania 2.0: "Quanto ha speso il Comune per la visita del ministro?"

  • Sparatoria a Ucria, il presunto assassino è originario di Paternò

  • Catania Summer Fest: tutti gli appuntamenti dal 17 al 31 agosto

  • San Gregorio, polstrada denuncia 12 "furbetti del casello"

Torna su
CataniaToday è in caricamento