Domenica, 26 Settembre 2021
Cronaca

Tetti scoperchiati, alberi divelti e auto in panne: la furia del maltempo su Catania

Sono state centinaia le chiamate giunte alla sala operativa dei vigili del fuoco, a seguito delle piogge e delle grandinate che si sono abbattute su tutta la Sicilia Orientale ed in particolare sulla città

L'ondata di maltempo che si è abbattuta su Catania ha causato gravi danni. A poche settimane dall'emergenza incendi adesso la città fa i conti con le violente piogge e grandinate che hanno contraddistinto la parte finale dell'estate. Sono state centinaia le chiamate giunte alla sala operativa dei vigili del fuoco del comando provinciale. Decine di alberi sono caduti in tutte le parti della città, dalla circonvallazione a Piazza Palestro, dove squadre dei vigili del fuoco stanno mettendo in sicurezza un grosso ficus caduto su delle autovetture, fortunatamente senza nessuno all'interno.

Un platano é caduto in Via Dusmet, mentre in via San Calogero, in prossimità della trincea della ferrovia, la recinzione che delimita quest'ultima è stata divelta dalla quella che sembrerebbe essere stata una tromba d'aria. Tra le aree più colpite il giardino Bellini e villa Pacini, dove diversi alberi di alto fusto non hanno retto alle violentissime raffiche di vento e all’acquazzone di forte intensità durato quasi mezz'ora. Per evitare pericoli ai visitatori il sindaco Salvo Pogliese ha disposto la chiusura della Villa Bellini e di Villa Pacini per procedere alla delimitazione delle situazioni pericolose; tra queste la caduta di ampie parti di alberi sulla via Tomaselli con restringimento della carreggiata stradale.

Video | Vigili mettono in sicurezza la ferrovia

Pesanti i danni anche in piazza Palestro per la caduta di robusti rami delle alberature sulla piazza. Alberi caduti anche sulla circonvallazione, in viale Mario Rapisardi, in viale Kennedy  e altre zone, alcune delle quali per via di tombini saltati per la forte pressione dell'acqua introitata in pochi minuti. Paura anche in piazza San Francesco, per la caduta della ringhiera di un balcone accanto alla chiesa e di alcune luminarie installate nei giorni scorsi in onore del bicentenario belliniano, anche in questo caso per fortuna senza gravi conseguenze.

Decine di tetti scoperchiati nella zona sud della città ed automobilisti tratto in salvo nelle loro auto rimaste in panne. Le strade sono diventate dei veri e propri fiumi - con le immancabili polemiche sulla manutenzione dei tombini e delle caditoie - e diverse piazze sono divenute simili a laghi. Al lavoro l'azienda di igiene urbana per ripulire le varie aree della città. A soffrire delle condizioni meteo anche il traffico aereo: diversi i voli che sono stati dirottati verso altri scali. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tetti scoperchiati, alberi divelti e auto in panne: la furia del maltempo su Catania

CataniaToday è in caricamento