Bosco: "Torrenti e caditoie hanno retto al primo temporale autunnale"

’assessore Bosco, “Le squadre subito intervenute per liberare i tombini. Attendiamo adesso le segnalazioni delle Municipalità e dei singoli cittadini”

Torrenti e caditoie hanno retto al primo temporale autunnale abbattutosi su Catania. Sulla città, nel primo pomeriggio, sono caduti quasi 25 mm di pioggia e la temperatura è scesa repentinamente sotto i 20 gradi centigradi.

“Attendevamo questo temporale – ha spiegato l’assessore alla Protezione civile Luigi Bosco – per verificare il lavoro fatto nel corso dell’estate, con quasi 400 interventi di manutenzione delle squadre di operai del Comune su tombini e caditoie, e altre, più complesse, operazioni di pulizia sui corsi d’acqua: i canali Forcile e fosso Fontanarossa e i torrenti Acquicella, Bummacaro, Carcaci e Acquasanta. In realtà però, anche se la quantità d’acqua caduta è stata notevole, la durata del temporale non è stata sufficiente a farci considerare questo test del tutto esauriente”.

È stata comunque fin dal pomeriggio avviata una nuova pulizia da parte della “Squadra volante” del Servizio manutenzioni che lo scorso anno, con la collaborazione dei cittadini, fece un ottimo lavoro per rimuovere tutto il materiale proveniente dalla zona pedemontana dell’Etna – foglie, detriti, ma anche spazzatura – che, trascinato dall’acqua, aveva intasato nuovamente le griglie delle caditoie e le   bocche di lupo collegate alla fognatura di acque bianche.

Il fenomeno, ovviamente, si è ripetuto anche a seguito di questo primo temporale, ma, a quanto risulta dalle prime segnalazioni, non ha avuto l’impatto degli anni precedenti, probabilmente anche perché sui tombini era stato svolto un considerevole lavoro preventivo.

Qualche criticità è stata registrata, a quanto risulta, nella zona del viale Odorico da Pordenone, dove una depressione stradale rende maggiormente vulnerabile la strada a questo tipo di fenomeni, e in alcune aree della via Plebiscito.

“Domani – ha aggiunto Bosco – faremo il punto della situazione e completeremo il lavoro grazie alle segnalazioni delle Municipalità e dei singoli cittadini. Tutti potranno avvertire della presenza di caditoie otturate o di problemiriguardanti il deflusso dell’acqua direttamente la Manutenzione stradale ai numeri 095/456078-456376, fax 095/206555”.

L’Assessore ha sottolineato come la pulizia straordinaria dei tombini e dei torrenti avviata all’inizio dell’estate sia stata sollecitata dal sindaco Enzo Bianco. Quest’ultimo ha sempre sottolineato come occorra lavorare sulla prevenzione per evitare che Catania debba vivere emergenze come quelleconseguenti alla "bomba d’acqua" che il 21 febbraio del 2013 colpì la città.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Allora – ha ricordato Bosco - a causa anche dei tombini intasati, le strade del centro storico diventarono fiumi e i torrenti, non ripuliti, strariparono, mettendo a rischio la vita dei cittadini”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Incidente sulla Palermo-Catania, illeso il cantante neomelodico De Martino: morto un 60enne

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento