Maltempo e allagamenti, Terranostra: "A rischio la sicurezza dei catanesi"

Il comitato spontaneo presieduto da Nico Sofia sottolinea come ad ogni pioggia le strade cittadine diventino impraticabili e chiede al Sindaco di intervenire tempestivamente in vista dell'inverno

"Piogge incessanti, condutture che non reggono alla pressione e dai tombini si sprigiona un getto d’acqua degno delle migliori fontane di Catania. Ecco quello che succede nel capoluogo etneo tutte le volte che piove. Che ci siano bombe d’acqua o meno gli impianti sotterranei ormai risultano esse inadatti per una città che raccoglie anche le acque piovane provenienti dai paesi dell’ hinterland". A lanciare l'ennesimo allarme sul problema degli allagamenti in città è il comitato spontaneo Terranostra che chiede all'amministrazione comunale di intervenire in vista dell'arrivo dell'inverno. 

"Scenari come via Etnea, viale Mario Rapisardi, via Plebiscito e decine di altre arterie che si trasformano in fiumi in piena non è più una novità. Stessa cosa - continua Terranostra - per le piazze che diventano laghi e interi quartieri che finiscono letteralmente sommersi. Problemi che poi si ripercuotono sulla sicurezza pubblica e sulla viabilità. Basta un temporale, quando la gente esce di casa per andare a lavorare oppure per accompagnare i figli a scuola, che scatta sistematicamente il caos".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"In qualità di componente del comitato spontaneo “Terranostra” - afferma Carmelo Sofia - , durante i sopralluoghi effettuati con abitanti e commercianti delle zone interessate, soprattutto sul viale Rapisardi e sulla Circonvallazione, ha potuto riscontrare come, nonostante gli ultimi interventi del Sindaco Pogliese, decine e decine di caditoie siano ancora otturate dai detriti oppure restino ricoperte da colate di catrame dei vecchi cantieri. Per queste ragioni, insieme al presidente del comitato  Nico Sofia, chiediamo al Primo Cittadino e all’assessore ai Lavori Pubblici di attivarsi ora, per quanto possibile, con un piano di interventi tampone per ridurre al minimo la piaga delle strade allagate. Il dissesto - concludono -  rappresenta un grosso problema per consentire all’amministrazione di attivare tutte quelle opere necessarie a rendere la città più vivibile e sicura. Questioni che però passano in secondo piano se confrontare con il nodo legato alla pubblica incolumità. Non capire questo vorrebbe dire commettere un grosso errore di fronte ai catanesi che già dovranno affrontare gli inevitabili tagli ai servizi basilari per il capoluogo etneo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Palermo-Catania, illeso il cantante neomelodico De Martino: morto un 60enne

  • Incidente stradale sulla Palermo-Catania, scontro tra un furgone e una Porsche: un morto e due feriti

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento