Maltempo, ripuliti i torrenti e sistemi di deflusso degli edifici comunali

I tecnici della Multiservizi hanno ripulito il torrente Acquicella, il Forcile, alcuni canali e negli edifici di proprietà del'ente

Catania si prepara ad accogliere ,maltempo e piogge autunnali. Su precisa disposizione del sindaco Enzo Bianco, i tecnici comunali e della Multiservizi, coordinati dall'ingegnere Fabio Finocchiaro, hanno cominciato ad effettuare una serie di interventi nei torrenti del territorio cittadino e negli edifici di proprietà dell'ente. Il torrente Acquicella è stato ripulito dalle case popolari di via Acquicella sino alla foce, il torrente Forcile dal quartiere Santa Maria Goretti sino alla foce, sono stati anche ripuliti il fosso Fontanarossa, che corre parallelo al Forcile, e il canale adiacente all'aeroporto, il canale della zona del Pigno.

La pulizia del torrente Arci, da Maristaeli a scendere verso l'aeroporto e da Maristaeli a salire verso Siracusa, sarà effettuata tra pochi giorni dopo la chiusura della stagione balneare. E' anche stata effettuata la pulizia dei sistemi di deflusso delle acque piovane in diversi edifici di proprietà del Comune: Palazzo Tezzano, Palazzo degli Elefanti, Palazzo dei Chierici, Palasport di piazza Spedini, scuola Italo Calvino di via Ferro Fabiani (in questo sito sono anche state ripulite anche le caditoie adiacenti). Nei prossimi giorni gli interventi riguarderanno: la biblioteca Ursino Recupero, il comando dei vigili urbani in piazza Spedini e in  12 plessi scolastici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

Torna su
CataniaToday è in caricamento