Maltempo: la Protezione civile blocca l'accesso al sito del radar Monte Lauro

In questi giorni di maltempo, a suscistare attenzione è anche la decisione della Protezione civile di oscurare il link web del radar Monte Tauro, consultabile dagli utenti per conoscere le future previsioni meteo

In questi giorni di apprensione per le condizioni meteo che stanno devastando gran parte della Sicilia - provocando anche morti nel messinese- c'è un fatto che sta suscitando un po' di indignazione. Si fa riferimento al Radar Monte Lauro. Per chi non lo sapesse, solo qualche mese fa Meteoleontinoi e Meteosicilia si erano impegnati in prima linea per sollecitare la protezione civile ad attivare il Radar di Monte Lauro, quello che da anni è al centro di una serie di polemiche scaturite dapprima dal suo mancato utilizzo. E, adesso, dall'utilizzo esclusivo che la Protezione civile nazionale sembra abbia deciso di riservarsi.

Qualche giorno fa alcuni utenti, infatti, erano riusciti a scovare su google una vera e propria rete di radar nazionali gestita proprio dalla protezione civile. Anche l' Italia, finalmente, (come gli USA e altre nazioni all'avanguardia), aveva una rete radar online disponibile e consultabile da chiunque. Gli esperti e gli studiosi potevano approfondire le proprie analisi avendo una panoramica completa del territorio italiano, permettendo così di affinare le allerte meteo.

Questo succedeva fino alle 14 di ieri, fino a quando "qualcuno" non ha pensato bene di impedire l'accesso web alle immagini del radar, da sempre aperte a tutta l'utenza, con l'inserimento di una password.

Anche Emilio Lo Savio, responsabile di Meteo Sicilia, ha commentato la vicenda: " Una follìa, specialmente se si considera che il radar è stato costruito con soldi nostri: quattro miliardi delle vecchie lire. Poco tempo fa, dalla Protezione civile di Palermo mi era stato chiesto il link dicendomi che Roma non permetteva l'accesso". "In seguito all'accresciuto numero di accessi al sito, da Roma ipotizzo che abbiano deciso di staccare la spina. E ciò in una giornata come quella di ieri, in cui il maltempo ha lasciato un segno anche nelle altre zone".


 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arresti a raffica della squadra mobile etnea

  • Dimentica il figlio in auto alla Cittadella, muore bimbo di 2 anni

  • 8 cibi che non dovrebbero essere dati ai bambini

  • Traffico di droga, nel mirino i clan Cappello-Bonaccorsi e Cursoti Milanesi: 40 arresti

  • Incidente stradale, auto si ribalta in tangenziale: conducente bloccato all'interno

  • Traffico di droga pilotato dai clan, 40 arresti: i nomi

Torna su
CataniaToday è in caricamento