"Se non mi dai 30 euro ti rompo tutto", così minacciava la madre per comprare la droga

Il giovane, caduto da alcuni anni nella spirale della dipendenza da sostanze stupefacenti, dopo un periodo di convivenza con una donna, dalla quale ha avuto una figlia, dopo essersi separato è tornato ai vivere con i genitori iniziando a tormentarli

Indagato un 23enne F.A per i reati di maltrattamenti in famiglia ed estorsione aggravata, commessi in danno dei genitori. Per lui è scattato l'arresto eseguito dai carabinieri della stazione di Librino. Le indagini, coordinate dal pool di magistrati qualificati sui reati che riguardano la violenza di genere, hanno consentito di evidenziare come i genitori dell’indagato abbiano patito dalla fine del 2018 ad oggi una serie di atti vessatori che ne hanno condizionato il sereno vivere quotidiano.

Il giovane, caduto da alcuni anni nella spirale della dipendenza da sostanze stupefacenti, dopo un periodo di convivenza con una donna, dalla quale ha avuto una figlia, dopo essersi separato è tornato ai vivere con i genitori iniziando a tormentarli pur di ottenere giornalmente il denaro utile all’acquisto della droga e per soddisfare le proprie esigenze personali.

L’escalation degli episodi, sfociati il più delle volte nel danneggiamento degli arredi di casa, la minaccia di togliersi la vita in caso di diniego (cosa che ha tentato di fare nel dicembre scorso al porto di Catania), e ciò a causa dell’assunzione delle sostanze stupefacenti; fino a minacciare direttamente la madre "se non mi dai 30 euro ti rompo tutte le cose" in presenza della sorella di soli 11 anni.

Nonostante il tentativo dei genitori di farlo seguire dai medici dell’Asp per iniziare un percorso di disintossicazione dalla droga, l’indagato ha rifiutato ogni aiuto, non lavorando più in maniera costante e sperperando il poco denaro guadagnato. Finito il denaro tornava a vessare i genitori fino ad una sera quando, dopo l’ennesima minaccia, la madre si era sentita male tanto da doversi recare in ospedale luogo in cui il giovane la raggiungeva per continuare a minacciarla e chiederle del denaro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le vittime sono state costrette a denunciare il figlio ai carabinieri, consentendo agli investigatori di raffigurare un quadro probatorio a carico dell’indagato che non ha lasciato alcun dubbio al giudice il quale, concordando pienamente con la richiesta della Procura, ne ha ordinato l’arresto e la reclusione nel carcere di Catania Piazza Lanza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, casi positivi al Cutelli e alla Livio Tempesta: studenti e personale in quarantena

  • Coronavirus, un positivo sul volo Milano-Catania: appello dell'Asp ai passeggeri

  • Incidente autonomo in Tangenziale, traffico in tilt: un ferito grave

  • Operazione antidroga, sequestrati 1.300 chili di marijuana: 6 arresti

  • Ricette false per ottenere i rimborsi, due medici sospesi ed otto farmacisti indagati

  • Coronavirus, commercialista di Biancavilla morto al San Marco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento