Maltrattamenti e lesioni aggravate nei confronti della convivente

Per l’uomo si sono aperte le porte della Casa circondariale, rimanendo garantita la sicurezza della donna che – per la violenza delle aggressioni subìte – ha dovuto fare ricorso alle cure dei sanitari del pronto soccorso di un ospedale cittadino

Ieri, gli agenti della polizia hanno arrestato due cittadini romeni responsabili di reati connessi alla violenza di genere. A cadere nelle mani dei poliziotti della squadra mobile sezione I -“Criminalità Organizzata” Squadra “Catturandi” - è stato Neagu Mihai Marin, già latitante e destinatario di un mandato di arresto europeo, emesso in data 1 settembre 2017 dall’Autorità giudiziaria di Costanta (Romania), dovendo espiare la pena di anni 2 di reclusione per il reato di violenza sessuale.

Ancora una volta, agenti della squadra mobile sezione – reati contro la persona in pregiudizio di minori e reati sessuali, con l'aiuto dei colleghi delle volanti, hanno stretto le manette ai polsi del romeno B.N., destinatario di un ordine di custodia cautelare in carcere, emesso dal Gip del Tribunale di Catania, poiché ritenuto responsabile del reato di maltrattamenti in famiglia e lesioni aggravate, nei confronti della convivente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le indagini sono scaturite dall’intervento di una volante che, presidiando il territorio, ha prestato soccorso alla vittima della brutalità dell’arrestato, iniziando, in tal modo, l’iter investigativo che ha ben presto portato all’emissione del provvedimento restrittivo. Gli uomini della polizia hanno curato particolarmente l’informativa all’Autorità giudiziaria, richiamando le disposizioni normative del settore, richiedendo – con successo – un provvedimento cautelare che ponesse fine alla condotta violenta del B.N., mettendo così la vittima al sicuro da ulteriori maltrattamenti. Per l’uomo si sono aperte le porte della Casa circondariale, rimanendo garantita la sicurezza della donna che – per la violenza delle aggressioni subìte – ha dovuto fare ricorso alle cure dei sanitari del pronto soccorso di un ospedale cittadino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, casi positivi al Cutelli e alla Livio Tempesta: studenti e personale in quarantena

  • Incidente autonomo in Tangenziale, traffico in tilt: un ferito grave

  • Coronavirus, un positivo sul volo Milano-Catania: appello dell'Asp ai passeggeri

  • Operazione antidroga, sequestrati 1.300 chili di marijuana: 6 arresti

  • Coronavirus, commercialista di Biancavilla morto al San Marco

  • Ricette false per ottenere i rimborsi, due medici sospesi ed otto farmacisti indagati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento