Maltrattamenti in famiglia, sequestro di persona e rapina: un arresto della polizia

La donna è stata invitata in Commissariato per sporgere denuncia e i poliziotti hanno ricostruito la storia di maltrattamenti e vessazioni alle quali l’ex compagno

Ieri gli agenti del commissariato Borgo Ognina hanno arrestato il pregiudicato P.S., responsabile dei reati di di maltrattamenti in famiglia, sequestro di persona e rapina. La notizia delle sofferenze patite dalla ex compagna dell’arrestato sono state acquisite grazie all’iniziativa investigativa degli agenti della sezione investigativa del commissariato che, grazie a mirati accertamenti, sono riusciti ad accertare come il P.S. fosse l’autore dei reati emersi nel corso delle indagini. La donna, quindi, è stata invitata in Commissariato per sporgere denuncia e, superati lo stato di forte disagio, l’imbarazzo e la paura della donna, i poliziotti hanno ricostruito la storia di maltrattamenti e vessazioni alle quali l’ex compagno l’ha sottoposta sin dal 2017, quando hanno avuto inizio episodi di percosse, di minacce, di umiliazioni e di gravi insulti. A seguito di ciò, la vittima, insieme al figlio minore, aveva deciso d’interrompere la convivenza, ritornando a casa dei propri genitori. Ma l’aguzzino non ha cessato dalla sua condotta. Lo scorso mese di marzo, infatti, venuto a conoscenza di un presunto rapporto sentimentale intrattenuto dall’ex compagna, ha ricominciato con le violenze, le offese ripetute e le minacce. Inoltre, sono emersi gli elementi per contestare all’arrestato il delitto di sequestro di persona, allorquando la vittima venne percossa, immobilizzata e rapinata del proprio telefono cellulare. Dopo le formalità di rito, l’uomo è stato sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari con l'ausilio del braccialetto elettronico. "Oltre l’intervento repressivo, efficacemente portato a termine dagli agenti del Commissariato Borgo Ognina, riamane permanentemente allertato l’Ufficio Minori e Vittime Vulnerabili della Divisione di Polizia Anticrimine della Questura che da sempre si occupa dei casi di violenza di genere, sui minori e di stalking. Infatti, in questo periodo di emergenza sanitaria che costringe tutti a rimanere in casa, sono molti i nuclei familiari, spesso con pregresse problematiche, in cui la convivenza forzata porta a esacerbare gli animi, suscitando reazioni emotivamente forti, se non addirittura violente. Per tale motivo, gli operatori dell’Ufficio Minori e Vittime Vulnerabili continuano a operare anche mediante audizioni telefoniche delle vittime di violenza di genere che, previa autorizzazione, vengono registrate per gli usi previsti dalla legge", si legge nella nota della polizia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Palermo-Catania, illeso il cantante neomelodico De Martino: morto un 60enne

  • Incidente stradale sulla Palermo-Catania, scontro tra un furgone e una Porsche: un morto e due feriti

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento