Mamma e figlia 12enne fanno shopping, ma senza pagare

Per compiere il misfatto, si è servita della figlia dodicenne che, dimostrando già abilità e destrezza, ha privato del dispositivo antitaccheggio uno zainetto che ha poi indossato

Erano entrate in un punto vendita di una nota catena di negozi, madre e figlia, come se si fosse trattato di normale shopping, ma così non era. Infatti, grazie al pronto intervento della polizia, allertata dal personale della sicurezza interna del negozio che ha assistito al “movimento”, è stata indagata in stato di libertà una donna abitante a Catania, per il reato di furto aggravato. Resta il fatto che la donna, per compiere il misfatto, si sia servita della figlia dodicenne che, dimostrando già abilità e destrezza, ha privato del dispositivo antitaccheggio uno zainetto che ha poi indossato come se fosse da sempre stato suo. Gli uomini delle Volanti, dopo essere giunti sul luogo del furto, hanno prelevato il duo e lo hanno condotto in Questura, dove hanno provveduto alla denuncia della “signora” che, per la cronaca, si è dimostrata già munita di un avvocato penalista di fiducia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

  • Le misure restrittive fino al 31 gennaio per le "zone rosse" della provincia etnea

Torna su
CataniaToday è in caricamento