Lunedì, 18 Ottobre 2021
Cronaca

Mamma morta al Cannizzaro, gli ispettori del Ministero: "Nessuna irregolarità"

La commissione inviata dal ministero della Salute, formata da due ispettori, un Nas e due tecnici della Regione siciliana, non avrebbe rilevato irregolarità sulla gestione dell'emergenza da parte dei medici

"Nessun rilievo da fare", su come è stata affrontata l’emergenza dai medici del reparto di ostetricia e ginecologia. E' quanto emerso dall’ispezione disposta, nell’ospedale Cannizzaro di Catania, dal ministero della Salute per la morte di Valentina Milluzzo, la giovane mamma di Palagonia, morta a causa di una sepsi mentre era ricoverata al reparto di ginecologia dell'ospedale catanese.

La commissione inviata dal ministero della Salute, formata da due ispettori, un Nas e due tecnici della Regione siciliana, non avrebbe rilevato irregolarità sulla gestione dell'emergenza da parte dei medici del reparto di Ostetricia e Ginecologia del nosocomio etneo.

Nei prossimi giorni, dunque, i magistrati e gli investigatori della polizia di Stato cercheranno, con il supporto anche della cartella clinica, di ricostruire quanto accaduto alla giovane donna e ai suoi gemellini. L'esame medico legale sarà eseguito nell'obitorio dell'ospedale Cannizzaro. Vi parteciperanno anche consulenti nominati dai 12 medici del reparto indagati, come atto dovuto, per omicidio colposo plurimo e quelli delle parti lese.

La Procura aveva aperto l’inchiesta dopo la denuncia presentata dall’avvocato Salvatore Catania Milluzzo, per conto del marito di Valentina, Francesco Castro. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mamma morta al Cannizzaro, gli ispettori del Ministero: "Nessuna irregolarità"

CataniaToday è in caricamento