Piana di Catania, manca l'acqua negli invasi: protestano gli agricoltori

L'unica zona dove, per il momento, l'acqua non manca è quella che si trova a quota 100, in contrada Ponte Barca

Manca l'acqua per irrigare gli agrumeti della Piana di Catania. "La crisi è causata dai frequenti guasti alla rete di distribuzione del Consorzio irriguo, che lascia a secco circa 14 mila dei 17 mila ettari serviti". Nonostante i bacini siano pieni, affermano, restano vuote le vasche di accumulo di quota 56, quota 102,50 e quota 150 da cui dovrebbe partire l'acqua per irrigare le campagne della Piana. L'unica zona dove, per il momento, l'acqua non manca è quella che si trova a quota 100, in contrada Ponte Barca. Per Fabio Bizzini, direttore generale del Consorzio Sicilia Orientale "l'osservatorio distrettuale ha individuato nella Piana di Catania un'area di pre-calamità naturale". Bizzini spiega che la diga Pozzillo ha una capacità ridotta del 50 per cento rispetto allo scorso anno mentre la diga Don Sturzo "è sostanzialmente vuota".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

Torna su
CataniaToday è in caricamento