Asse dei servizi invaso dalle piante, il Pd chiede interventi di manutenzione

Il Presidente dell’Assemblea Provinciale del Pd, Ersilia Saverino, chiede un piano di interventi da attuare utilizzando i fondi della Regione o dell’Unione Europea

Il Presidente dell’Assemblea Provinciale del Pd, Ersilia Saverino, interviene sulle condizioni in cui versa l’asse attrezzato di Catania, attualmente invasa dalle piante che rendono poco sicuro il passaggio delle auto e dei pedoni. "Passaggi pedonali e corsie di emergenza sono completamente coperte dal fitto fogliame ed anche effettuare sorpassi in alcuni punti è molto rischioso. Le sterpaglie - si legge nella nota - hanno lasciato il posto a veri e propri alberi che crescono di giorno in giorno. Inoltre la strada evidenzia tutti i suoi limiti in termini di traffico e vivibilità visto che, la sera, ampi tratti dell'asse attrezzato restano completamente al buio perché i pali della luce non funzionano oppure, quando piove, l’accesso o l’uscita da e per il Corso Indipendenza si allaga completamente con le auto che devono effettuare pericolose manovre. E’ normale tutto questo? Assolutamente no, anche perchè rappresenta l’ennesimo segnale di abbandono delle periferie della città. La sicurezza per gli automobilisti e un flusso veicolare scorrevole sono questioni che vanno tenute in grande considerazione". Il Presidente dell’Assemblea Provinciale del Pd, Ersilia Saverino, chiede quindi  un piano di interventi da attuare utilizzando i fondi della Regione o dell’Unione Europea.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

Torna su
CataniaToday è in caricamento