Giallo Mariella Cimò, giudizio immediato per il marito sotto accusa

La svolta nelle indagini era avvenuta lo scorso 26 novembre, giorno dell'arresto di Di Grazia, che si è sempre dichiarato innocente e ha tentato il suicidio quando il Tribunale del riesame aveva rigettato la sua istanza di scarcerazione

Sarà giudicato col rito immediato, chiesto ed ottenuto dalla Procura, Salvatore Di Grazia, imputato dell'omicidio e della soppressione del cadavere della moglie Mariella Cimo' scomparsa dalla sua villa di San Gregorio e mai più ritrovata.

La svolta nelle indagini era avvenuta lo scorso 26 novembre, giorno dell'arresto di Di Grazia, che si è sempre dichiarato innocente e ha tentato il suicidio quando il Tribunale del riesame aveva rigettato la sua istanza di scarcerazione.

La Procura di Catania, su disposizione del capo dell'ufficio, Giovanni Salvi, e del sostituto Angelo Busacca, ha chiesto il giudizio immediato. La prima udienza si terrà il prossimo 26 marzo davanti la Corte d'assise.

La donna è scomparsa dall'abitazione della coppia il 25 agosto del 2011, ma la denuncia è stata presentata dal marito il 5 settembre successivo. I due erano sposati da 43 anni, ma negli ultimi periodi c'erano stati dei contrasti tra marito e moglie, in particolare sulla gestione di un autolavaggio self service per autovetture di Aci Sant'Antonio, di proprietà della Cimo' e nel quale lavorava il Di Grazia.

La donna lo voleva vendere, mentre il marito era assolutamente contrario, anche perchè, sostengono gli investigatori, ''utilizzava gli uffici per incontri legati a relazioni extraconiugali''.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento