Mario Ciancio rinviato a giudizio per mafia, il sindaco: "Comune parte civile"

"Esprimo la massima fiducia nell'operato della Magistratura - ha detto il sindaco - e mi auguro che questa delicata vicenda possa essere definita quanto prima"

"Esprimo la massima fiducia nell'operato della Magistratura e mi auguro che questa delicata vicenda possa essere definita quanto prima". Lo ha detto il sindaco di Catania Enzo Bianco commentando la notizia del rinvio a giudizio dell'imprenditore catanese Mario Ciancio Sanfilippo per concorso esterno in associazione mafiosa. Bianco ha ricordato che, come previsto dal regolamento per reati di questo tipo, il Comune, ovviamente, si costituirà parte civile nel processo a carico dell'imprenditore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento