Marito e moglie trasportavano cocaina nell'auto, fermati al casello

In un intercapedine del bagagliaio posteriore, trovati 5 panetti avvolti da nastro adesivo di colore marrone contenenti una sostanza biancastra che sottoposta ad analisi speditive è risultata essere cocaina

I finanzieri del comando provinciale di Catania hanno tratto in arresto due corrieri che, a bordo di un’auto noleggiata, trasportavano un chilogrammo di cocaina. In particolare, i militari del nucleo di polizia economico - finanziaria di Catania, con l’aiuto dell’aliquota anti terrorismo, all’uscita del casello autostradale di San Gregorio di Catania hanno sottoposto a controllo la vettura di due coniugi, C.A. (cl.1983) e A.D. (cl.1989), residenti a Rosarno (RC).

Sin dalle prime domande di rito poste dai finanzieri durante il controllo la coppia ha manifestato chiari segni di nervosismo. I militari, al fine di effettuare un più approfondito controllo in condizioni di massima sicurezza, hanno portato i soggetti presso gli uffici del nucleo di polizia economico - finanziaria di Catania, dove è stata eseguita la perquisizione personale e del veicolo.

Le attività di ricerca hanno permesso di rinvenire, in un intercapedine del bagagliaio posteriore, 5 panetti avvolti da nastro adesivo di colore marrone contenenti una sostanza biancastra che sottoposta ad analisi speditive è risultata essere cocaina del peso complessivo di circa un chilogrammo. La sostanza stupefacente sequestrata, destinata presumibilmente al mercato etneo, avrebbe fruttato, nella vendita al dettaglio, circa 100 mila euro.

Informata la Procura, i due corrieri sono stati tratti in arresto e tradotti presso la casa circondariale di piazza Lanza a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento