Cronaca

Picchia la moglie dinanzi alla figlia minorenne e aizza un rottweiler contro i carabinieri

Si tratta di un uomo di 39 anni non nuovo alle violenze in famiglia. La moglie ha chiamato i militari dopo l'ennesimo episodio violento e lui per tutta risposta ha cercato di fuggire liberando il cane di grossa taglia

E' finito in manette un 39enne di Motta Sant'Anastasia e dovrà rispondere di lesioni personali aggravate, maltrattamenti in famiglia e resistenza a pubblico ufficiale. I militari sono stati allertati dalla moglie di 35 anni che aveva telefonto in caserma per richiedere il loro aiuto perché percossa dal marito, oltretutto alla presenza della figlia minorenne. Immediatamente accorsi ed entrati nell’appartamento, sito nel centro cittadino di Motta Sant’Anastasia, hanno trovato la donna che si lamentava per dei colpi ricevuti al capo ed il marito, che era in compagnia di altri due uomini, alla vista dei militari è andato subito in escandescenze affrontandoli di petto e costringendoli ad allontanarlo per evitare contatti diretti.

Poi l'uomo, proprietario di un cane di razza rottweiller, ha liberato l’animale dal recinto in cui era rinchiuso aizzandolo contro i carabinieri e ha tentato la fuga in auto ma è stato bloccato da due militari ai quali ha ulteriormente rivolto pesanti minacce tra le quali anche quella di farli assalire dal cane. Una volta bloccato è stato portato in caserma, mentre la moglie è stata condotta al pronto soccorso dell’ospedale Garibaldi di Catania, ove le sono state riscontrate delle “policontusioni” con una prognosi di 10 giorni. La donna già in passato aveva informato i militari del comportamento violento del marito che, soltanto lo scorso 30 aprile, l’aveva picchiata violentemente provocandole ulteriori 10 giorni di prognosi. Adesso il marito violento si trova a piazza Lanza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Picchia la moglie dinanzi alla figlia minorenne e aizza un rottweiler contro i carabinieri

CataniaToday è in caricamento