Marito violento picchiava la moglie per farla abortire, in manette srilankese

L'uomo è responsabile di violenza sessuale, maltrattamenti in famiglia, lesioni personali aggravate nonché del gravissimo reato di interruzione della gravidanza senza il consenso della donna che, in quattro diverse circostanze, ha portato a termine colpendo con calci e pugni la vittima

Un 27enne dello Sri-Lanka (cl. 1987) è stato arrestato ieri dai poliziotti della questura di Catania perchè responsabile dei reati di violenza sessuale, maltrattamenti in famiglia, lesioni personali aggravate nonché del gravissimo reato di interruzione della gravidanza senza il consenso della donna che, in quattro diverse circostanze, ha portato a termine colpendo con calci e pugni la vittima. Le indagini hanno consentito di accertare che l’arrestato ha posto in essere gravi condotte nei confronti della moglie dall’ottobre del 2011 fino al mese di ottobre del 2014 Le indagini hanno accertato che l’arrestato, in preda a veri e propri raptus di gelosia, era solito minacciare di morte le figlie e picchiare la compagna, procurandole lesioni che diverse volte l’hanno costretta a ricorrere alle cure mediche. Ultimate le formalità di rito, l’arrestato è stato trasferito nel carcere di Piazza Lanza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

Torna su
CataniaToday è in caricamento