Truffa tramite marketplace, compra telefono ma paga con assegno falso

Al momento del versamento, la vittima si è accorta che l’assegno era insoluto e associato ad un conto chiuso da tempo

foto archivio

Nei giorni scorsi, personale del commissariato Borgo Ognina ha indagato una persona, già con segnalazioni giudiziarie, per ricettazione e truffa on line utilizzando verosimilmente diversi profili di Facebook con la sua immagine ma con nomi diversi, nello specifico interagendo tramite market place.

Nello specifico, l’indagato ha acquistato da privato e tramite il market place un telefono costosissimo e, nella circostanza, ha consegnato alla vittima un assegno di provenienza illecita pari ad un importo di euro 350. Al momento del versamento, la vittima si è accorta che l’assegno era insoluto e associato ad un conto chiuso da tempo e, pertanto, la Banca l’ha dichiarato inesigibile con la dicitura “firma illegibile o non conforme”.

Fatto di rilievo è che dopo la transazione e al fine di non essere più rintracciabile, il malfattore ha cancellato il proprio profilo ma, una volta rintracciato tramite web, lo stesso ha provato a convincere la vittima a non sporgere denuncia in cambio della restituzione del telefono. Quindi, il malfattore ha restituito il telefono lasciandolo presso un’attività commerciale, ciò chiaramente al fine di non avere contatti con la parte offesa ma, quanto sopra, non è servito in quanto, ugualmente, il malfattore è stato indagato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

Torna su
CataniaToday è in caricamento