Mascalucia, M5s: "Nel cimitero fuoriescono liquami di cadaveri dalle tombe"

“Quanto riscontrato nella struttura è indegno di un paese civile. Chiediamo alla Regione – dichiara Foti – un intervento immediato a tutela della salute pubblica e rispetto dei familiari dei defunti”

Nel camposanto comunale di Mascalucia succede che da alcuni loculi fuoriescono liquami e cattivo odore, provocati dal processo di decomposizione dei cadaveri tumulati. A denunciare il rischio di un'emergenza igienico-sanitaria è la consigliera comunale del M5s Agata Montesanto insieme alla deputata regionale del M5s Angela Foti, che in una lettera - indirizzata al dirigente generale del dipartimento regionale per le Attività sanitarie e osservatorio epidemiologico e Maria Letizia Diliberti, al responsabile del servizio di Igiene pubblica Mario Palermo e al direttore generale dell'Asp di Catania Giuseppe Giammanco - chiede alle istituzioni competenti un intervento immediato insieme allo svolgimento di attività di accertamento, sopralluoghi e campionamenti.

“Ciò che in questa sede preme denunciare – scrive Foti nella missiva - è il grave rischio igienico-sanitario, supportato da segnalazioni e documentato a seguito di un sopralluogo della consigliera comunale Agata Montesanto. Da diversi loculi fuoriescono reflui liquidi e gassosi provenienti dal processo di decomposizione dei cadaveri, accompagnati da esalazioni e fetore che ammorbano l’aria circostante e creano disagio e sconvolgimento nei visitatori”.

“Il tutto - prosegue - in assoluto spregio delle norme stabilite dal regolamento di polizia mortuaria e di quelle urbanistiche”. Nella missiva Foti ricorda anche l'iter per realizzare i lavori di ampliamento del camposanto comunale. “A luglio 2012 la concessione per la costruzione, gestione e ampliamento del cimitero del Comune era stata affidata con lo strumento del project financing, alla società ATI -DIMA.FLO.RU – affermano Foti e Montesanto –, mentre il costo complessivo del progetto per la costruzione e la gestione economica dei loculi nell'area cimiteriale comunale ammontava a 2 milioni 637 mila euro e prevedeva la costruzione di 1.075 nuovi loculi, 740 ossari privati, un ossario comune interrato, un edificio servizi, la casa del custode e verde attrezzato”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“La società concessionaria – proseguono- si impegnava a garantire il servizio di tumulazione, la pulizia dei luoghi e dei marmi in occasione delle festività principali e la gestione delle opere per tutta la durata dei lavori, fino alla consegna prevista stando al contratto nel 2017 e poi prorogato”. “Questi lavori - aggiungono - avrebbero dovuto essere effettuati a 'regola d’arte', come stabilito dal contratto tra la Ati DIMA.FLO.RU e il Comune”. La consigliera comunale del M5S Agata Montesanto, poi, ricorda “A maggio 2017 era stato presentato un ordine del giorno in Consiglio comunale per impegnare l’amministrazione a verificare eventuali inadempimenti contrattuali e attivare gli opportuni procedimenti”. “La proposta - dice ancora - fu addirittura bocciata dalla maggioranza del Consiglio. Oggi la stessa maggioranza indifferente e cieca, anche su ciò che non può essere nascosto, si ripresenta sotto diverse bandiere e quasi tutta appoggiando un solo candidato. Ci auguriamo che i cittadini comincino a comprendere che è necessario cambiare rotta per non permettere che siano sempre le stesse persone ad amministrare in malo modo il paese”. “Quanto riscontrato nella struttura è indegno di un paese civile. Chiediamo alla Regione – conclude Foti – un intervento immediato a tutela della salute pubblica e rispetto dei familiari dei defunti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento