Picchia la ex dopo aver danneggiato l'auto del compagno: arrestato

Non appena ha saputo che l'ex compagna aveva una nuova relazione ha deciso di seguire la coppia e prendere a colpi di mattone il mezzo

Un 49enne di Misterbianco è stato arrestato dai carabinieri per atti persecutori, lesioni personali e danneggiamento ai danni della compagna. Dopo una lunga convivenza con una donna dalla quale erano nati due figli, oggi di 4 e 12 anni, a causa di numerose incomprensioni e frequenti litigi sfociati quasi sempre in violenze verbali e fisiche alcuni mesi fa la vittima ha deciso di troncare la relazione

Una decisione unilaterale mai accettata dall’uomo il quale, venuto a conoscenza di una nuova relazione sentimentale intrapresa dalla donna con un nuovo compagno, l’altra sera li ha seguiti in auto fino a Mascalucia ed appena questi hanno parcheggiato l'auto, per poi allontanarsi, si è armato di mattone iniziando a colpire violentemente il mezzo.

Il fragore creato dai colpi inferti all’auto ha richiamato l’attenzione della coppia che tornata indietro è stata accolta “calorosamente” dall'uomo il quale, prima ha picchiato la donna per poi azzuffarsi con l’altro uomo giunto in difesa della compagna.

Grazie alla telefonata fatta da un passante ai carabinieri, una pattuglia  è potuta intervenire in tempo utile per dividere i contendenti e fermare  l’aggressore. La donna è stata medicata al Pronto Soccorso dell’Ospedale di Paternò dove i sanitari le hanno diagnosticato “distorsione rachide cervicale, contusione spalla sinistra ed escoriazioni sparse al soma secondario” lesioni guaribili in cinque giorni. L’arrestato, assolte le formalità di rito, è stato associato al caracere di piazza Lanza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento