Aumenti Sostare, Mirenda si tira fuori: "Ad ognuno le sue responsabilità"

L’aumento del 20% sui tagliandi della Sostare sta ancora provocando un vespaio di polemiche in consiglio comunale

L’aumento del 20% sui tagliandi della Sostare sta tutt’ora provocando un vespaio di polemiche in consiglio comunale. Un tiro al bersaglio che riguarda anche quei consiglieri che hanno fatto di tutto affinchè il nuovo contratto di servizio non fosse approvato.

"Una scelta di responsabilità verso i cittadini - commenta Maurizio Mirenda -che non devono pagare sempre e comunque per gestioni di partecipate molto discutibili, che ha portato tutti i componenti dell’opposizione compatti a lasciare i propri banchi dell’aula consiliare dopo l’approvazione degli emendamenti. Una scelta appoggiata pure da tanti esponenti della maggioranza che hanno compiuto il medesimo gesto".

"Adesso chi ha voluto l’approvazione di questo regolamento deve assumersi le proprie responsabilità. Gli aumenti della Sostare hanno nomi e cognomi ben precisi (in primis i consiglieri che fanno capo ad “Articolo 4” e “Catania 2.0” di Sammartino e Sudano) e non tolleriamo che agli occhi della cittadinanza chi si è battuto per impedire l’ennesimo tentativo di mettere in ginocchio il commercio sia accostato a coloro che sono rimasti in aula fino all’ultimo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento