Sequestrati dalla guardia di finanza oltre mille chili di tonno rosso

Si tratta, nello specifico, di sei esemplari privi di tracciabilità. Due uomini, nella zona di Aci Trezza, li stavano trasportando in un veicolo

Straordinario sequestro di tonno rosso privo di tracciabilità da parte del personale della sezione operativa navale della guardia di finanza etneo.  Circa una tonnellata di pescato illegalmente, è stata sequestrata dagli uomini
delle delle fiamme gialle alla fine di un’operazione notturna.

Video | Le immagini

Durante un’attività di controllo sulla filiera della pesca e dopo una significativa attività di monitoraggio nella zona di Acitrezza, i militari hanno intercettato un veicolo che è stato fermato e sottoposto a ispezione.Al suo interno del furgone sono stati trovati sei esemplari di tonno rosso, per un peso complessivo di 1120 chili. Il conducente e l’occupante il mezzo non hanno potuto fornire la documentazione
prevista dalla normativa comunitaria e nazionale specifica per il tonno rosso, che serve a identificare la provenienza del prodotto ittico. È scattato quindi il sequestro con conseguente contestazione di una sanzione amministrativa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ancora una volta stroncato il mercato clandestino: da qualche anno, la domanda del mercato internazionale di
tonno rosso registra un considerevole aumento e ciò ha fatto, di conseguenza, moltiplicare le catture, per lo più illegali. La pesca di questa specie è consentita infatti a un numero ristretto di imbarcazioni in possesso di permesso speciale ed è vigilata secondo un rigido sistema di controllo normativo previsto, tra l’altro, dall’Unione Europea che ha adottato misure restrittive, in linea con le leggi internazionali, per regolamentarne le catture negli stati membri.
Gli esemplari sequestrati dopo essere stati visionati dai veterinari dell’Asp di Catania sono stati dichiarati non destinabili al consumo umano e consegnati in discarica per la distruzione a spese dei responsabili.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza regionale sul Coronavirus: obbligo di mascherina e più controlli

  • Carabiniere preso a calci e pugni ad un posto di blocco da un 39enne

  • Blitz antidroga a San Cristoforo, sequestrati cocaina e 7 mila euro in contanti

  • Il Gruppo Arena lancia l’ultimo modello di Superstore

  • Incidente in Tangenziale, traffico in tilt: un ferito grave

  • Coronavirus, avvocato positivo: scatta protocollo di sicurezza al palazzo di giustizia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento