Medici vittime di violenza sul lavoro, l'incontro con i vertici Asp

Il commissario straordinario Maurizio Lanza ha incontrato oggi la dott.ssa Serafina Strano, la dott.ssa Anna Sciuto e il dott Letterio Alia

Il commissario straordinario dell’Asp di Catania, dott. Maurizio Lanza, ha incontrato oggi, presso la Direzione generale dell’Azienda sanitaria catanese, la dott.ssa Serafina Strano, la dott.ssa Anna Sciuto e il dott Letterio Alia, vittime, fra il 2016 e il 2018, di aggressioni e violenze sul posto di lavoro, nell’esercizio delle loro funzioni.

"Ho già incontrato diverse volte la dott.ssa Strano - spiega il dott. Lanza - e avvertivo l’esigenza di parlare anche con la dott.ssa Sciuto e il dott. Alia sia per esprimere loro, così come ho fatto con la dott.ssa Strano, la solidarietà e l’attenzione, mia e dell’assessore Razza; sia per ribadire l’impegno sui temi della tutela e della sicurezza di tutti i lavoratori della nostra Azienda, in particolare degli operatori di front line ai quali va il mio pensiero e la mia vicinanza sentita e concreta; sia per raccogliere preziosi suggerimenti in base alle loro terribili esperienze".

La dott.ssa Sciuto e la dott.ssa Strano, rispettivamente nel 2016 e nel 2017, sono state vittime di gravi episodi di violenza. Il dott. Alia, il 25 luglio 2018, è stato colpito alla testa con una forbice, nel reparto di Ortopedia dell’Ospedale di Acireale.

"I vergognosi atti di cui sono stati vittime - continua il dott. Lanza -, rendono necessario un cambio di passo nel modo di affrontare le questioni che aprono: mi riferisco a diverse criticità normative e contrattuali, a un ripensamento organizzativo dei servizi e al continuo miglioramento degli standard di sicurezza". Sul tema sicurezza, tre giorni dopo il suo insediamento, il dott. Lanza ha disposto verifiche e ispezioni nelle Guardie mediche della provincia; ha quindi incontrato, più volte, i sindacati e i rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza, ribadendo la priorità del tema. In atto, per i Presidi di continuità assistenziale, è stato dato avvio a diverse linee di attività: dall’assunzione di 40 autisti, al potenziamento della videosorveglianza in remoto, dalla gestione delle chiamate tramite 112, all’istituzione di un tavolo di lavoro con i coordinatori delle Guardie mediche. Il manager dell’Asp di Catania ha anche approfondito con i tre medici, gli aspetti di tutela civile e amministrativa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"I colleghi non sono soli - conclude il dott. Lanza -. I percorsi attivati o che dovranno attivarsi ci vedranno compiere insieme con loro tutti i passi necessari. La nostra attenzione sulla sicurezza dei lavoratori non si allenterà mai. Ci sono diversi livelli di azione: politica, istituzionale, normativa, contrattuale, organizzativa, operativa. Per quel che ci riguarda o che è di nostra competenza non ci fermeremo agli adempimenti, ma saremo parte attiva e proattiva auspicando le necessarie sinergie e convergenze dei sindacati, sicuri dell’attenzione e della sensibilità dell’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, e del prefetto di Catania, dott. Claudio Sammartino".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scattano le prime multe da 400 euro per mancanza di mascherina

  • Falsi invalidi, il sistema architettato da 6 medici: 21 indagati

  • Coronavirus, anche oggi nessun decesso: a Catania zero nuovi contagi

  • Ikea, nuovi orari di apertura per lo store di Catania

  • Pensioni d’invalidità con la compiacenza di medici dell’Asp: sei misure cautelari

  • Coronavirus, in Sicilia si fermano i decessi: 4 nuovi casi a Catania

Torna su
CataniaToday è in caricamento